Monthly Archives: March 2017

MUVI reloaded

Dopo 17 anni dalla prima fase del progetto MUVI – Museo Virtuale della Vita Quotidiana nel XX secolo, siamo veramente contenti di annunciare il rilascio online della ricostruzione interattiva dedicata agli anni Trenta.

Nel 2000 il progetto partì con la ricostruzione di un interno domestico degli anni ’50.
L’idea di MUVI era quella di creare virtualmente un Museo dedicato alla vita quotidiana, raccontando attraverso gli oggetti di uso comune i cambiamenti verificatisi nella vita degli italiani, decennio per decennio.

07cucina50

Nel 2008, un secondo finanziamento permise la ricostruzione degli interni rappresentativi di altri due decenni: gli anni Trenta e gli anni Ottanta del ‘900.

Tutti e tre gli ambienti erano stati resi navigabili in tempo reale per il Teatro Virtuale Cineca. Il sito web, oltre alle schede di approfondimento storico collegate ad una serie di fermo immagine, avrebbe dovuto avere, già nel 2008, una versione navigabile online. All’epoca, come strumento di navigazione era stato scelto OSG4Web ma lo sviluppo, per l’impegno notevole necessario, si fermò ad una versione prototipale, mai entrata in produzione.

L’anno scorso, grazie ad un tirocinio formativo ospitato qui al VisitLab, è stato finalmente possibile riprendere il lavoro lasciato in sospeso e, per la ricostruzione dedicata agli anni Trenta, portarlo a compimento con tantissimi miglioramenti ed ampliamenti.

19render_esterno
cucina anni Trenta

L’architetto Beatrice Chiavarini aveva svolto la sua tesi proprio sul Villaggio della Rivoluzione Fascista, di cui in MUVI era stata usata una casa per ospitare l’interno domestico dedicato agli anni Trenta. Il tirocinio ha permesso di unire gli esterni e gli interni in una unica applicazione e, grazie all’aiuto di Silvano, Luigi e Daniele, è stato tutto messo online in Blend4Web.

cervelli su MUVI

Oggi rilasciamo la prima versione dell’applicazione, grazie alla quale potrete visitare gli esterni del Villaggio della Rivoluzione e gli interni di una delle sue villette, in modalità sia diurna che notturna. Interazioni con oggetti e accesso alle schede di approfondimento completano l’applicazione.

Speriamo vi piaccia.

I ragazzi dell’Alternanza Scuola/Lavoro al VisitLab

Il 27 febbraio Irina, Stefano, Alessandro e Theodor hanno iniziato le loro attività di Alternanza presso il nostro laboratorio.

Hanno lavorato a due progetti: il Contratto di fiume e I-Media-Cities

alternanza_scuola_lavoro

Per il Contratto di fiume hanno iniziato un censimento di tutti i materiali digitali che possono essere di utile documentazione per: addetti ai lavori, istituzioni, cittadini e curiosi. Hanno anche preso dimestichezza con il software QGIS per visualizzare, gestire e modificare dati georeferenziati raccolti in formato linked Open Data.

QGIS
Aggregazione di GIS relativi alle acque di Bologna

Per il progetto europeo I-Media-Cities, invece, i ragazzi hanno realizzato un mock up del portale seguendo i desiderata dei partner di progetto – archivi e ricercatori – con la metodologia Agile. Entusiasmati da QGIS, hanno realizzato due livelli geolocalizzando le scene di due film d’archivio della Cineteca di Bologna.

Alternanza

Grazie ragazzi per il lavoro che state facendo!

A Bologna il nuovo centro meteo europeo

Bologna sarà la sede del nuovo data center dell’ECMWF (Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine)

La proposta italiana è stata selezionata come la più adatta tra quelle pervenute e noi ne siamo veramente soddisfatti.
Non solo perché è un bel traguardo per l’Italia, ma anche perché, nel nostro piccolo, abbiamo attivamente sostenuto la candidatura con un breve video.
Realizzato con un montaggio di filmati dal vivo e brevi integrazioni in Vapor, per la visualizzazione scientifica, e in Blender, racconta i punti di forza di una città e di una regione che, per posizione e network di competenze è riuscita ad emergere in una competizione di eccellenze.

Del resto, come avremmo potuto perdere quando la voce del narratore è stata prestata dal nostro collega Andrew, che pronuncia l’inglese come se fosse la sua lingua madre?

Andrew dubbing video meteo

Bravo Andy, grazie. Tanti anni trascorsi a studiare chimica e poi noi ti usiamo per un video che potrebbe aver contribuito a scippare alla tua patria il nuovo data center…